“L’amuri ca v’haiu”, Antonella Schirò evoca un desiderio di amore antico a “La Controra”

Nel giorno del suo compleanno, una musicista forte, elegante, semplice, regala a “La controra” una bellissima, amara dichiarazione d’amore: è Antonella Schirò a cantare “L’amuri ca v’haiu“, brano composto da Esposito e Maglia che ha fatto parte del repertorio di Rosa Balistreri e che da moltissimi artisti siciliani è stata interpretata.

Antonella Schirò, siciliana della Valle dello Jato, dedica la sua vita alla musica con i migliori esiti professionali ma è la sua ancor più importante caratura umana a renderla un’artista generosa ed evocativa: il suo carattere lascia una firma su ogni interpretazione.


Non lu sapiti l’amuri ca v’haiu
e nun sapiti quantu vi disiu;
nun lu sapiti
comu chiangiu e staiu
quann’è ca ppi mumentu
non vi viu.
Dintra di l’arma mia
na vampa cci haiu
e lu me cori è vostru e non lu miu;
si moru ‘nparadisu non ci vaiu
pirchì p’amari a vui
non pensu a Diu.
E vui sapennu st’amuri e sti peni
mi lassati muriri comu ‘n cani
ma oggi siddu cc’è cu vi tratteni
speru di cunvincirivi dumani.
Cchiù non m’amati
e cchiù vi vogghiu beni
chiù passa e chiù
vi mannu cristiani
non mi lassati amuri ‘ntra sti peni
pirchì siti ppi mia
l’acqua e lu pani.

VIDEO

“LA CONTRORA” realizzazione di: Patrizia Gangi, Antonio Scarcella, Marco Martorana, Francesco Maria Martorana

Compagnia “TANGO DISÌU – le Musiche dei Porti”

Facebook: Fb.com/tangodisiu | Fb.com/francescomariamartorana YouTube: bit.ly/tangodisiu

Potresti aver perso…