Alessia Di Maria a “La Controra” con Arsura d’amuri

La peddi nova” del 1963 conservava fra le sue perle di carta pescate da Ignazio Buttitta fra i volti della sua gente questa “Arsura d’amuri”. È una dichiarazione d’amore accorata, disperata, appassionata; una sete impossibile da soddisfare per un amore che non sa placarsi. Un amore per la Vita.

A cantarla nella versione musicata da Alessandro Sorrentino è, oggi, Alessia Di Maria, giovane cantautrice alla chitarra che si è affacciata già da qualche anno alla scena della musica popolare siciliana come membro della Compagnia “Tango Disìu – Le Musiche dei Porti”.

Suli addisianu
e ventu
c’annaculia li cimi
cu li manu d’aria
pi farili junciri e vasari.

Nun bastanu puzzi e ciumi
ad astutari st’arsura d’amuri
e mancu acqua a chioviri
dintra di mia.

Nun è diunu di pani
né siti d’acqua:
è lu cori siccatu
comu la manu di Cristo schelitru
ca vol’essiri vasata
pi farisi carni viva.

Pi disiu d’amuri
guardu l’arvuli nfuti e carricati
ca si projnu li frutti
cu li manu di picciriddi.

Pi disiu d’amuri
nchiudu l’occhi p’ascutari
lu sonu di l’acqua
chi scinni di li vattala
e trasi nni li vini
comu filu nturciuniatu
di ventu friscu.

Ali nun nn’haiu
e restu nterra cu l’omini
c’ammuccianu l’amuri
sutta l’umbra di li pupiddi lucenti,
comu la quagghia ca trema
sutta la troffa di la fava ciuruta.

Cu l’occhi
dintra a l’occhi d’iddi
mi lu vivu cu li lacrimi, l’amuri,
a stizzi,
comu sangu di nnuccenti.

Lu cercu nni li so pinzeri,
nni lu tonu di li paroli,
sutta la peddi bianca di li facci:
l’immaginu, l’adornu.

Dicitimi ca li petri
sunnu amuri
e mi li manciu.

Dicitimi ca li furni
còcinu amuri
e mi fazzu nfurnari.”

VIDEO

“LA CONTRORA” realizzazione di: Patrizia Gangi, Antonio Scarcella, Marco Martorana, Francesco Maria Martorana

Compagnia “TANGO DISÌU – le Musiche dei Porti” Facebook: Fb.com/tangodisiu | Fb.com/francescomariamartorana YouTube: bit.ly/ta

Potresti aver perso…